Hitlife_immagine_articolo_sito_professionale_wordpress

Come creare un sito web professionale con WordPress

Avere un sito web vetrina o un e-commerce non è solo importante per dare una buona impressione ai potenziali clienti, ma significa anche che il tuo business può essere presente ovunque e in qualsiasi momento. Ecco alcuni suggerimenti per creare un sito web professionale in pochi semplici passaggi.

Le nuove piattaforme per lo smart working e la didattica a distanza, l’incremento esponenziale degli e-commerce, l’aumento nella produzione del digital content: le abitudini del consumatore sono cambiate. Con quali nuove strategie rispondiamo a queste novità e quali tendenze dobbiamo seguire?

Condividi su

INDICE

Una guida per creare il tuo sito vetrina o e-commerce in pochi passi!

Il web è una risorsa importante per le aziende di tutte le dimensioni.
Se sei alla ricerca di un modo per promuovere la tua attività, creare un sito professionale, che sia un sito web vetrina, un e-commerce o una Landing Page può essere il modo giusto per raggiungere i tuoi potenziali clienti.

Ma anche se hai già un sito web ma ti sembra vecchio e poco professionale, oppure se hai bisogno di un nuovo sito per la tua azienda, segui le indicazioni che sto per darti: ti saranno molto utili! Il tuo sito è la tua vetrina sul web: deve essere bello da guardare, chiaro e facile da navigare.

In questo articolo ti spiegheremo come creare un sito web professionale che rifletta l'immagine della tua azienda e ti aiuterà a raggiungere i tuoi obiettivi commerciali. Non ti resta che continuare a leggere!

1. Scegli il dominio

Il primo passo è scegliere il dominio, cioè l'indirizzo web che identifica il tuo sito. Il dominio deve essere facile da ricordare e rappresentativo della tua attività. Puoi registrarlo presso un provider di domini oppure utilizzare un servizio di hosting che ti offre già questo tipo di servizio. Siteground per esempio , offre un dominio gratuito per i primi 12 mesi.

Quale estensione di dominio scegliere?
Puoi scegliere l'estensione che preferisci, generalmente un'estensione .it si usa quando la tua attività ha sede in Italia. Ma puoi scegliere anche le estensioni .com .net .org .biz che sono molto comuni e facili da ricordare per i tuoi clienti!

2. Scegli l'hosting migliore per WordPress

Ok, ora che hai scelto e registrato il tuo dominio, il secondo passo è quello di scegliere l'hosting, cioè un spazio web dove poter pubblicare il tuo sito. Scegliere un provider di hosting affidabile è molto importante, perché questo ti garantirà un servizio di qualità facendo in modo che il tuo sito sia veloce e senza cali di banda.

In questi anni ne abbiamo provati davvero tanti e con certezza ti possiamo dire che il nostro preferito è Siteground, che per noi è tra i migliori provider di hosting in grado di offrirti queste caratteristiche insieme a un servizio eccellente a prezzi molto competitivi.

In ogni caso ti consiglio di tenere a mente le seguenti caratteristiche per la scelta dell'hosting per il tuo sito web, sia che sia un sito vetrina, un e-commerce o anche solo una Landing Page:

  • Supporto WordPress;
  • Server veloci e affidabili;
  • Assistenza 24 ore su 24;
  • Possibilità di creare più siti web e fare upgrade per quando il tuo progetto crescerà;
  • SSL certificato incluso.

Il tuo sito web professionale deve essere ospitato su un hosting di qualità, per garantirti prestazioni elevate e affidabilità.

3. Installa WordPress

Bene. Il terzo passo è installare WordPress, il CMS più utilizzato al mondo per la creazione di siti web. WordPress ti consente di realizzare un sito web professionale in pochissimo tempo, senza dover conoscere i codici html o CSS. La cosa bella di WordPress è che è gratuito e facile da utilizzare: basta seguire pochi semplici passaggi per installarlo sul tuo hosting.

Per installare WordPress, puoi collegarti al sito ufficiale e seguire le indicazioni. In pochi semplici passaggi avrai installato WordPress e potrai iniziare a creare il tuo sito web professionale!

Siteground ti offre la possibilità di installare WordPress con un click, al resto pensa tutto lui, comodo vero? 🙂

Ecco i 5 passaggi per creare il tuo sito web!

Clicca su Nuovo dominio, cerca il nome del dominio per il tuo nuovo sito e se è disponibile clicca su Aggiungi!

 

Clicca su Crea un nuovo sito e poi su WordPress

 

Clicca su Completa per aggiungere il tuo nuovo dominio

 

Ci vorranno meno di 2 minuti per creare il tuo sito web!

 

Il tuo sito WordPress è pronto!

4. Scegli il tema WordPress migliore per il tuo progetto

Su questo passaggio è facile perdersi. Di temi ne esistono davvero di tutti i gusti per creare siti diversi: fotografici, ecommerce, blog, ecc. Quello che ti consigliamo di guardare sono le caratteristiche del tema: deve essere responsive, cioè si adatta a tutti i dispositivi (pc, tablet e mobile), e soprattutto deve avere integrato il miglior strumento che ti aiuterà in ogni passaggio, ovvero Elementor.

Elementor è un theme builder drag & drop molto popolare tra chi desidera realizzare siti web professionali e, non a caso è il più scaricato al mondo. Probabilmente ti starai chiedendo il motivo. Semplice:

Elementor ti permette di realizzare visivamente ogni aspetto del tuo sito web vetrina o di un e-commerce: le pagine statiche, la struttura degli articoli e gli archivi del blog, le schede prodotto di un e-commerce. E tutto questo senza dover mettere mano al codice o al linguaggio di programmazione CSS, HTML, php.

Inoltre gli elementi sono responsive e li puoi personalizzare in modo facile ed efficace.

Offre poi un'ampia gamma di widget e template predefiniti, che ti consentono di creare il tuo sito web in pochi minuti. Inoltre, è compatibile con tutti i principali plugin WordPress, come Yoast SEO per la SEO del tuo sito e WPForms per la creazione di form.

Se stai cercando un tema WordPress gratuito facile da utilizzare, un tema con Elementor è la soluzione che fa per te!

5. Pubblica contenuti sul tuo sito web

Ok, a questo punto non resta che popolare questo sito web vetrina o e-commerce: testi, foto, grafiche, video, immagine prodotto, form. Dopo aver definito la brand identity della tua attività e il logo, è utile creare un piano editoriale, in modo da avere sempre chiari gli obiettivi e le linee guida da seguire.

Per realizzare contenuti di qualità ti consiglio di affidarti a dei professionisti tra copywriter e graphic designer: avrai così dei contenuti che oltre ad attirare i tuoi clienti, sono ritenuti interessanti dal signor Google!

6. Ottimizza i contenuti per i motori di ricerca (SEO)

Come generare i contenuti adatti per i motori di ricerca? Per generare il giusto contenuto, è importante capire cosa cercano i motori di ricerca quando cercano di indicizzare i contenuti web. 

- URL amichevole per i motori di ricerca

- Parole chiave nei tag H1, H2 e H3

- Parole chiave nel testo di ancoraggio del link 

-Immagini pertinenti rinominate in maniera corretta e contenuti interessanti e con parole chiave.

Uno strumento che certamente ti aiuta a migliorare il posizionamento del tuo sito su Google, e ti offre un sacco di suggerimenti utili per ottenere dei buoni risultati è Yoast SEO. Si tratta di uno dei plugin più famosi e diffusi per ottimizzare i contenuti del proprio sito web professionale su WordPress, e puoi scarica gratuitamente da WordPress.org.

Ottimizza i tuoi contenuti per i motori di ricerca e avrai dei visitatori in più sul tuo sito web!

Quindi ora che hai gli strumenti per creare un ottimo sito web, è tempo di metterli in pratica e vedere crescere la tua attività. Ma ricorda, il successo online non arriva dall'oggi al domani. Ci vuole duro lavoro, dedizione e, naturalmente, un sito web ben realizzato con ottimi contenuti.

Se hai bisogno di aiuto lungo il percorso o hai domande sul tuo sito web vetrina o e-commerce, o sulla tua strategia di marketing, non esitare a contattarci! Saremo felice di assisterti in ogni modo possibile! 😉

Condividi su

donna guarda il telefono

Come migliorare l’esperienza di un sito web mobile

Il motivo dei tanti carrelli abbandonati, di prodotti cliccati e ricliccati su un e-commerce e di clienti persi molte volte è causato dalla difficoltà di navigazione nella versione mobile di un sito web. Quali sono gli errori più comuni e come possiamo intervenire per evitarli e sfruttare al meglio tutte le potenzialità del mobile?

Le nuove piattaforme per lo smart working e la didattica a distanza, l’incremento esponenziale degli e-commerce, l’aumento nella produzione del digital content: le abitudini del consumatore sono cambiate. Con quali nuove strategie rispondiamo a queste novità e quali tendenze dobbiamo seguire?

Condividi su

INDICE

È davvero così facile navigare da mobile?

Oggi la maggior parte delle persone naviga su un dispositivo mobile, ma perché spesso molti clienti abbandonano carrelli e acquistano da pc? Sicuramente per evitare questo comportamento è necessario ottimizzare la navigazione da mobile e migliorare l’esperienza d’acquisto.

Ma vediamo cosa accade nello specifico: in alcuni casi non ci fidiamo di certe offerte, preferiamo consultare fisicamente i nostri negozi preferiti, oppure in fase di pagamento scopriamo dei costi in più non ben spiegati nelle fasi di acquisto precedenti.

In generale da mobile non ci sentiamo sempre sicuri del percorso di acquisto e di pagamento: sopraggiunge anche il timore di cliccare nel punto sbagliato, e preferiamo continuare l’operazione da pc o peggio, chiudere o rimandare. 

E alcuni dati lo dimostrano.

Da una ricerca condotta dall’agenzia SKIM emerge che, tra gli acquirenti che navigano da dispositivo mobile, 7 su 10 acquirenti da sito mobile non effettuano un acquisto perché la procedura sul sito è troppo difficile. Sui 10 consumatori che ricercano su mobile, 4 comprano su un altro canale (offline, app o desktop), mentre 3 non completano lacquisto. 

Solo il 6% degli utenti non acquista a causa di preferenze personali.

Il potenziale del mobile

Ma il mobile è una risorsa che ha moltissimo potenziale poiché permette di analizzare il comportamento del tuo cliente, e di arrivare direttamente alla tua target audience.

E lo dimostra l’apertura, risalente solo a qualche mese fa, dei social commerce, gli commerce nativi social: Instagram Shop e Facebook Shop.

Si tratta insomma di un'esperienza d'acquisto priva di interruzioni: i clienti o futuri tali scoprono i prodotti tramite sponsorizzate, annunci, post o stories, accedono allo shop in maniera facile e senza uscire dall'app e completano l'acquisto sul sito web aumentandone il traffico.

Quindi cosa possiamo fare per ottimizzare l’esperienza di navigazione da mobile e migliorare l’esperienza d’acquisto?

Problemi e soluzioni della mobile usability

Il primo passo è certamente comprendere quali sono i principali problemi legati all’esperienza di navigazione e d’acquisto su mobile e intervenire per ottenere una buona usabilità e pochissimi inconvenienti, o magari, trasformarli in risorse. È quindi necessario lavorare sulla UX Design del tuo sito che non deve solo essere responsive, anche perché ormai quasi tutti i template rispettano questa caratteristica. Serve quindi seguire degli specifici accorgimenti per migliorare l’esperienza degli utenti e ottimizzare la User Experience da mobile.

E anche ricordare che le parole d’ordine, per quanto riguarda i dispositivi mobili, sono facilità, comodità e zero spreco di tempo!

L'importanza di una buona presentazione

Cosa vedo appena approdo alla tua pagina da mobile? Le risorse e i contenuti di un sito devono essere ben organizzati e presentati, oltre che adattati alle dimensioni dei uno schermo mobile. 

In poche parole è necessario porsi una domanda fondamentale: come strutturare le informazioni più utili e importanti? Purtroppo non basta che la versione mobile semplicemente funzioni, ma deve essere organizzato per semplificare al massimo la navigazione.

In questi casi uno dei problemi da risolvere è legato alla difficoltà di individuare in maniera immediata il menu di navigazione, oppure ad avere un menu troppo ingombrante. La soluzione è semplicità e chiarezza: togliere via il superfluo, nominare il menu di navigazione con parole di comprensione immediata, eliminare ogni elemento criptico per una navigazione più veloce ed evitare pop up che occupano tutto lo schermo.

 

Fornisci tutte le informazioni indispensabili

Ragionare sulla gerarchia dei contenuti in base allo spazio a disposizione aiuta a capire quali contenuti è giusto adattare su mobile e quali invece lasciare visibili solo nella visualizzazione da desktop: possono essere contenuti grafici o parole poco chiare o troppo lunghe.

Ricorda: tutto quello che conta deve essere visibile prima di effettuare uno scroll.

Nella gestione dei contenuti, attenzione a rendere visibili tutte le informazioni che servono al tuo cliente per concludere un acquisto. Rispondi in anticipo ogni dubbio o domanda e fai in modo che riesca ad orientarsi facilmente dall'interno del tuo sito mobile, spostandosi da una pagina all'altra, da un prodotto all'altro facilmente.

E se per esempio se al tuo cliente capita di finire in una pagina 404 Not found, e può succedere, prova a personalizzare questa pagina o a fornire una facile via d'uscita o di ritorno alla pagina precedente.

 

Evita scorrimenti infiniti

Pensaci: da mobile riusciamo a visualizzare pochissimi prodotti per volta, e questa è un enorme difficoltà da superare poiché oltre a richiedere una grande quantità di tempo, rende l’acquisto e la scelta stressante e confusionaria.

Ragionare quindi sul layout di un sito mobile, offrire l’opportunità di trovare, nel minor tempo possibile, esattamente quello che l’utente sta cercando, è un grande vantaggio che facilita sicuramente di molto l’acquisto o l’esplorazione, nel caso in cui il cliente stia scoprendo il brand per la prima volta.


Si può pensare quindi di rendere visibile una barra di ricerca all’interno del sito, in modo che chiunque navighi possa cercare facilmente pagine o prodotti di interesse, o di attivare la funzione dei filtri per una ricerca più rapida e semplice.

Condividi su

ragazza scrolla sul telefono

Social commerce: il futuro delle vendite è sui social

Questo ultimo anno ci ha visti correre sempre più veloci, costretti a spingere l’acceleratore sulla trasformazione digitale e ad adattarci a nuove necessità. Abbiamo visto e vedremo nascere sempre più e-commerce e vetrine online: luogo dove ormai avviene la maggior parte dell’attività di retail. Abbiamo quindi modo di pensare che, dopo l’e-commerce, il futuro delle vendite sarà sui social?

Questo ultimo anno ci ha visti correre sempre più veloci, costretti a spingere l’acceleratore sulla trasformazione digitale e ad adattarci a nuove necessità. Abbiamo visto e vedremo nascere sempre più e-commerce e vetrine online: luogo dove ormai avviene la maggior parte dell’attività di retail. Abbiamo quindi modo di pensare che, dopo l’e-commerce, il futuro delle vendite sarà sui social?

Condividi su

INDICE

Le nuove sfide del retail

Stiamo attraversando un periodo che ancora una volta ci impone di fermarci a riflettere su dove stiamo andando e come. Guardiamoci intorno: molte vetrine stanno cambiando e le saracinesche si abbassano mutando la conformazione urbanistica delle città che viviamo. La conseguenza è un cambiamento nel modo di vivere la città e quindi un cambiamento nel modo di vivere gli acquisti.

I margini di guadagno diminuiscono e catturare e fidelizzare un cliente diviene sempre più difficile. Avere una buona strategia digitale di successo, costruire la propria presenza online, aprire un e-commerce sono oggi opportunità reali per ogni commerciante di comunicare ai propri clienti, far conoscere il proprio marchio e alimentare l'interesse verso i propri prodotti o servizi.

Tutte le piccole imprese devono osservare il comportamento del consumatore, e adattare la propria strategia: costruire la propria customer journey modulandola sui diversi canali. Prima di tutto è importante identificare il proprio target audience e poi accompagnare il consumatore verso la conversione, tramite una strategia omnicanale.

Cosa intendiamo con strategia omnicanale

Come aveva precedentemente annunciato Mark Zuckerberg, solo qualche mese fa sono nate Instagram Shop e Facebook Shop, funzioni che permettono di creare un e-commerce nativo sui social.

Si tratta insomma di un'esperienza d'acquisto priva di interruzioni: i clienti o futuri tali scoprono i prodotti tramite sponsorizzate, annunci, post o stories, accedono allo shop in maniera facile e senza uscire dall'app e completano l'acquisto sul sito web aumentando il traffico sul sito web.

Insomma le parole d'ordine sono comodità, facilità e zero spreco di tempo.

Qui è necessaria però una pausa di riflessione. Se cambiano i mezzi, le vetrine, devono cambiare anche le strategie, è chiaro. E qui entra in gioco la strategia omnicanale, che lavora appunto su tutti i canali a disposizione per il retail, compresi i social.

Grazie ai social puoi arrivare direttamente al tuo target di riferimento, senza più dover essere trovato. I social, insieme all'e-commerce aiutano a comprendere i bisogni dei clienti, costruire la loro customer Journey e quindi aumentare le vendite.

Prima di fare questo servono però tutti gli strumenti di digital marketing per costruire la propria presenza online e la propria brand awareness: annunci sui motori di ricerca, campagne di comunicazione e di sensibilizzazione sui social network, campagne commerciali online e offline, presenza sul web con un sito responsive.

Il fattore umano e l'importanza delle relazioni

Studiare tutte le opportunità che nuovi strumenti come Instagram Shop e Facebook Shop offrono è sicuramente giusto per ogni tipo di impresa, ma ci sono tanti casi su cui riflettere a fondo. Pensiamo per esempio a due situazioni come pianificare le vendite in base ai grandi sconti, oppure allo shopping dell'ultimo minuto:

  • I social possono aiutare quando si pianificano strategie in occasione per esempio del Black Friday e del Cyber Monday e per anticipare i bisogni dei consumatori arrivando preparati al Natale, ma sicuramente è utile una strategia più ampia, in grado di prevedere le azioni di altri competitor, grandi o piccoli che siano.
  • Investire maggiormente nell'e-commerce e nello shopping online vuol dire anche non dimenticare totalmente l'esperienza in-store. È giusto pensare a come agevolare il consumatore e facilitare lo shopping dell'ultimo minuto con il BOPIS (Buy Online, Pick-up in Store).

Il retail è stato completamente rivoluzionato dalla tecnologia digitale e continuerà a mutare ancora, ma tutta l'innovazione senza il fattore più importante, e cioè quello umano, è praticamente inutile. La cultura principale deve rimanere sempre quella incentrata sul cliente, sulla relazione che stringiamo con i consumatori.

Se il futuro del retail è davvero sui social significa che saremo in grado di costruire rapporti di qualità, qualsiasi mezzo utilizziamo.

Condividi su